La Costiera Amalfitana non è un luogo geografico, ma un’entità. Quando si pensa a questa terra viene in mente una canzone di Lucio Dalla “Com’è profondo il mare”, non solo perché si affaccia sul Tirreno.

Chi conosce il testo, sa benissimo che c’è un’inquietudine di fondo che si combatte a colpi di fantasia e ironia.

La sinuosità della SS 163 è un crescendo di emozioni che seguono le note del cantautore.

Terra di incursioni barbariche che hanno lasciato un’impronta indelebile, e al tempo stesso terra di colori e di profumi, quello per la Costiera Amalfitana è amore a prima vista, destinato a durare per sempre.

Quello che sorprende è il paesaggio spettinato e selvaggio, caratteristica comune dei paesi della Costiera Amalfitana, piccole perle preziose incastonate nella roccia, le cui costruzioni si trovano a picco sul mare, in bilico tra la brulicante vita e la libertà in senso assoluto.

La speculazione edilizia degli anni ’70 è stata fermata giusto in tempo, evitando che che le colate di cemento coprissero quello che la natura ha creato. Non è un caso se l’Unesco ha dichiarato la Costiera Amalfitana patrimonio dell’Umanità.

L’estate è il periodo dell’anno in cui le strade della Costa d’Amalfi brulicano di gente.

C’è chi sceglie le mete più modaiole come Positano, Amalfi e Ravello, ma altre piccoli borghi come Maiori, Minori e Cetara, meritano di essere visitati. Possibilmente a piedi, spostandosi con i mezzi pubblici.

Il traffico continua ad essere uno dei problemi principali della Costiera Amalfitana: gli spazi adibiti alla sosta dei veicoli sono pochi e costosi, quindi spesso si è costretti a lasciare l’auto molto distante rispetto al luogo che si deve raggiungere.

Il nostro consiglio è quello di evitare di organizzare una vacanza in macchina: finirete per stressarvi per parcheggiare e, soprattutto, siccome non conoscete bene la strada molto tortuosa e stretta potreste avere seri problemi proprio nella guida.

Ad oggi, purtroppo, la Statale Amalfitana è l’unica via di accesso al territorio ed è frequentata, oltre che da turisti, anche dai pendolari e da tutto il traffico merci che si muove esclusivamente su gomma.

Un modo per arrivare in Costiera senza stress potrebbe essere quello di acquistare un pacchetto vacanza: cliccando qui è possibile comprare in offerta un viaggio già organizzato a prezzi vantaggiosissimi.

Il fascino di questo lembo di terra che abbraccia il mare cambia ad ogni stagione e l’offerta turistica si spalma su 365 giorni, quindi sappiate che quando volete fuggire via, la Costiera Amalfitana vi aspetta sempre, per prendesi cura di voi con sole, mare, arte, e buon cibo.

Ma scopriamo insieme quali sono i comuni della Costiera Amalfitana.

Stai pensando di prenotare la tua vacanza in Costiera? Scopri “Vivo qui da sempre”, la guida ufficiale che ti accompagnerà nel tuo viaggio da sogno!

ravello-costiera-amalfiana

Cenni sui paesi della Costiera Amalfitana

Il nostro blog è interamente dedicato alla Costa d’Amalfi: continuando a visitare le pagine troverete davvero tutto ciò di cui avete bisogno per pianificare al meglio il vostro soggiorno.

Questo articolo, dunque, vuole essere per voi una sorta di introduzione che vi guida verso le attrattive principali del territorio: se state cercando quali sono i paesi della Costiera Amalfitana, dunque, avete trovato le risposte giuste e, probabilmente, continuando a navigare individuerete tutto ciò che dovete assolutamente sapere.

Ecco i principali comuni della Costa.

Amalfi

E’ una delle quattro Repubbliche Marinare, un’antica leggenda narra che sia stata fondata da Ercole, figlio di Giove, per amore della donna che gli aveva rapito il cuore e che aveva gli occhi azzurri come il mare che guardava.

La fanciulla si chiamava Amalfi, ma la sua vita fu breve ed Ercole la seppellì in un luogo in cui il mare l’avrebbe cullata nel suo abbraccio per sempre.

Amalfi, come il suo fondatore, è una città forte. Una qualità si cui si parla in tutti i libri di storia e che si può apprezzare incontrando gli abitanti.

Per maggiori dettagli, scopri la guida generale su Amalfi.

Atrani

Atrani è il secondo comune più piccolo d’Italia, ma le sue dimensioni non devono spaventarvi, perché grande è la bellezza del borgo.

Il comune di Atrani è l’unico della Costiera Amalfitana che ha  mantenuto intatto il suo aspetto e non si è lasciato stravolgere dal turismo, nelle giornate di mareggiata, il porticciolo di Atrani ospitava le imbarcazioni.

Visitandolo potrete scoprire il tipico fascino dei borghi dei pescatori. Molto bella la piazza dove si trova la Chiesa di San Salvatore che al tramonto cambia colore, uno spettacolo da non perdere.

Scopri un Viaggio da Sogno in Costiera: Scopri l’Incredibile Offerta

Cetara

Cetara è un borgo marinaro che, come Atrani, non fa parte dei flussi turistici di massa. Cetara, deriva dal latino “cetaria” che significa “tonnara”, ed è stata fondata dal popolo dei Cetari, cacciatori di tonno etruschi.

cetara-costiera-amalfitana

Se vi alzate presto al mattino, dalla finestra del vostro alloggio potete scorgere i pescatori che si dirigono alle tonnare.

La tradizione marinara si sposa con quella gastronomica, qui infatti potrete gustare la colatura di Alici di Cetara, magari in uno dei deliziosi ristoranti del centro, con la luce tiepida dei lampioni che avvolge il borgo, sotto una coperta di stelle.

Conca dei Marini

Conca dei Marini è il borgo più amato dai vip, pur avendo origini marinare, in passato molti personaggi del jet set internazionale hanno ormeggiato le loro imbarcazioni nel porto.

Da Agnelli ai Moet et Chandon, passando per Sofia Loren, in molti hanno lasciato un pezzo del loro cuore nel dedalo di viuzze, sempre pronto ad accoglierli e a coccolarli.

Il turismo della Costiera Amalfitana è stato fortemente influenzato dalla presenza di personaggi famosi, ecco perché borghi come Conca dei Marini sono presi d’assalto in estate.

Furore

La bellezza di Furore è più nascosta rispetto agli altri borghi. La conformazione del terreno sembra che si sia adattata a questo luogo, che si svela timidamente agli occhi dei visitatori.

Furore ha un fiordo nascosto che solo chi è disposto ad affrontare qualche chilometro a piedi può scoprire, ma ne vale davvero la pena.

Il borgo di Furore è diviso in due parti, si tratta di un confine naturale, che rende il posto ancora più intrigante.

È proprio qui che la natura si è ribellata, impedendo all’uomo di violare le sacre rocce.

La vegetazione si fa spazio a fatica tra le fessure e l’atmosfera che si respira è tipica dei paesi del Nord Europa.

Scopri 10 Cose Straordinarie da Fare in Costiera Amalfitana!

Maiori

Maiori: la conformazione di questa cittadina ricorda un ventaglio rovesciato, le cui estremità toccano il mare.

Qui si trova la spiaggia più bella della Costiera Amalfitana e il tratto sabbioso più lungo.

Proprio come la sua “forma”, Maiori offre un ventaglio di opportunità di trascorrere una vacanza insolita.

La spiaggia bianca dove crogiolarsi sotto il sole, i percorsi naturalistici per gli amanti del trekking, i sentieri eno-gastronomici e gli itinerari religiosi, Maiori è questo e molto altro.

Per approfondire, leggi la nostra guida completa su Maiori.

Minori

C’è chi definisce Minori come “il narciso” della Costiera Amalfitana.

minori-costiera-amalfitana

Il motivo è presto spiegato visto che il terreno è uno dei più fertili e vi è la maggiore produzione di agrumi, dai famosi limoni alle melarance.

Minori negli ultimi anni sta diventando una meta ambita perché qui ha sede la pasticceria di Sal De Riso.

Il clima temperato rende Minori una località visitabile in qualsiasi periodo dell’anno e sono molti gli eventi storici e le rappresentazioni che si svolgono.

Positano

Su Positano c’è ben poco da dire, il borgo parla da solo.

La sua struttura territoriale è insolita in quanto è incastonata nella montagna, come un prezioso diamante solitario.

Eppure Positano richiama molti turisti ed è tutt’altro che silenziosa.

Guardando Positano dalla SS 163 sorprendono i suoi colori, le case color pastello e i vicoletti caleidoscopici al tramonto assumono tinte insolite e alla sera diventa un “presepe”.

Mare e passeggiate fanno di Positano la meta ideale per i weekend “toccata” e “fuga”.

Per approfondire, leggi la nostra guida completa su Positano.

Prenota la tua Vacanza da Sogno in Costiera

Praiano

Praiano si trova tra Positano e Conca dei Marini e questa città della Costiera Amalfitana è conosciuta per le stradine che si trasformano in scale a volte difficili da percorrere.

Praiano ha delle edicole votive ad ogni angolo della città, piccoli altarini costruiti dalle famiglie quando si trasferivano nella nuova casa, un’usanza tipica del sud per chiedere protezione e per lasciare la propria “firma”.

Al centro di Praiano c’è la Chiesa di San Luca Evangelista che con la sua facciata bianca sembra il faro della Costiera Amalfitana.

Ravello

La storia di Ravello è legata a quella della Repubblica Marinara di Amalfi.

Intorno all’anno mille infatti, la parte della città costruita sul vallone che divide il Reginna dal Dragine, ha ospitato i dissidenti che avevano osato ribellarsi al Doge.

Ravello è la città preferita dagli artisti, Richard Wagner trovò ispirazione per comporre una parte della sua opera “Parsifale” e Roberto Rossellini ha girato alcuni film tra le stradine del borgo.

Per approfondire, leggi la nostra guida completa su Ravello.

Scala

Scala sorge su un’altura a 400 metri sul livello del mare e da documenti ufficiali è stato possibile stabilire che è la cittadina più antica della Costiera Amalfitana.

Scala-costiera-amalfitana

La sua posizione è piuttosto particolare perché è stata costruita con fini strategici.

Il borgo originario venne distrutto e poi ricostruito nel Medioevo, accentuando la funzione difensiva e diventando uno dei baluardi fortificati.

Tramonti

Tramonti, letteralmente significa “terra tra i monti”, si trova alle pendici dei Monti Lattari ed è adagiata in 145 ettari di boschi e terrazzamenti su cui sono coltivati limoni, ulivi e viti, attraversati da sorgenti d’acqua il cui scorrere suscita forti emozioni in chi si avventura nei percorsi naturalistici.

Tramonti Costiera Amalfitana
Foto del centro della frazione di Polvica

Tramonti si divide in 13 piccole frazioni: Pucara, Novella, Gete, Ponte, Campinola, Corsano, Cesarano, Pietre, Capitignano, Figline, Paterno Sant’Arcangelo, Paterno Sant’Elia, Polvica. Anche il “destino” di Tramonti è legato a quello di Amalfi, in quanto ha contribuito al suo sviluppo economico e commerciale. Pare che la pizza sia nata proprio qui, nei fuori di pietra, che veniva cotta insieme al pane e al pane biscottato.

Vietri sul Mare

Vietri sul Mare è la porta di accesso alla Costiera Amalfitana anche se nel nostro elenco si trova all’ultimo posto per una questione meramente alfabetica.

Non volevamo favorire un borgo piuttosto che un altro perché la Costiera Amalfitana nella sua diversità è monotona visto che possiamo parlare di questo luogo come della “grande bellezza” italiana.

Vietri sul Mare è conosciuta in tutto il mondo per la ceramica, sono tante le piccole botteghe in cui si lavora rispettando la tradizione.

I vicoletti sembrano dei piccoli musei a cielo aperto dove i muri sono delle gallerie dove vengono esposte le mattonelle di ceramica.

Pronto per partire? Scarica “Vivo qui da sempre” e scopri tutti i segreti della Costa d’Amalfi!