Spiagge in Costiera Amalfitana: Dove Andare a Mare?

Le spiagge della Costiera Amalfitana sono tra le più belle del Tirreno e del mondo, anche se non sono molto estese.

“La bellezza delle cose ama nascondersi” e qui, tra scogliere impervie e porzioni di roccia che si specchiano maestose nelle acque cristalline, si possono trovare piccole porzioni di spiaggia bianca e fine o di ciottoli, fonte di attrazione turistica.

Dimenticate le classiche spiagge caraibiche e immense e preparatevi a scoprire un nuovo modo di vivere il mare, un po’ più faticoso.

I paesi della Costiera Amalfitana si trovano sopra il livello del mare e spesso si devono attraversare dei sentieri o scendere alcuni scalini scavati nella roccia per arrivare a mare.

Il sole fa capolino nelle prime ore del pomeriggio, quindi dopo una colazione abbondante, lasciatevi trasportare dal richiamo delle onde, il cui suono evoca il canto delle Sirene.

Hai prenotato una vacanza o stai pensando di farlo? Scopri la guida ufficiale “Vivo qui da sempre” e tuffati nelle meraviglie della Costa d’Amalfi!

Le spiagge mondane di Amalfi e Atrani tra sport e divertimento

Iniziamo il nostro viaggio alla scoperta delle più belle spiagge della Costiera Amalfitana partendo da quelle tra Amalfi e Atrani, che soddisfano tutti i tipi di turisti: chi è alla ricerca di un angolo di paradiso lontano dal caos e chi preferisce spiagge attrezzate, con l’ultima hit in sottofondo e le risate dei vicini di ombrellone.

La spiaggia di Marina Grande ad Amalfi è piuttosto vivace e indicata per chi vuole vivere un’estate frizzante: il luogo è uno dei centri della movida costiera nella bella stagione.

amalfi spiaggia
Spiaggia di Amalfi in primavera

Anche gli sportivi sono accontentati: per arrivare alla spiaggia del Duoglio che dista 1 km da Amalfi si devono scendere 400 scalini al km 28 della statale, in fondo ai quali c’è il “Lido degli artisti” dove si possono noleggiare attrezzature per sport acquatici quali canoa, windsurf e immersioni.

Il lido “Due scugnizzi” è molto più tranquillo e c’è un ristorantino che propone piatti tipici a base di pesce fresco.

Tutti i giorni dalle ore 09.00 alle ore 17.00, ogni 30 minuti, dal molo di Amalfi partono delle imbarcazioni che vi trasportano verso spiagge nascoste e inaccessibili via terra come Santa Croce: il biglietto andata e ritorno costa 4,50 euro.

Il parcheggio pubblico in piazza Flavio Gioia ad Amalfi, è molto capiente, 60 minuti di sosta costano 5 euro, se partite alle prime luci del mattino potete sostare sulle poche strisce bianche in zona.

La spiaggia di Atrani è la preferita dalle famiglie con bambini piccoli al seguito ed è una delle più caratteristiche della costiera perché è divisa in due dalla foce del Dragone, in secca durante i mesi estivi.

Prima di arrivare ad Amalfi, sulla SS 163 c’è una deviazione che segnala il borgo. In estate l’accesso alla spiaggia è vietato ai non residenti e l’ingresso è bloccato con una sbarra.

Il parcheggio pubblico può ospitare solo 30 vetture e sin dal mattino è occupato, quindi l’unica soluzione è lasciare l’auto ad Amalfi che è collegata ad Atrani da un percorso panoramico.

Atrani
Spiaggia di Atrani

La spiaggia nascosta di Ravello

Proseguendo sulla SS163 ecco che troviamo la spiaggia di Castiglione a Ravello, poco conosciuta e per questo meta di nicchia.

Il centro storico di questo borgo adagiato sulla collina “nasconde” la frazione marina che ha una spiaggia circondata dalla scogliera dove sorge uno stabilimento balneare.

Purtroppo in Costiera Amalfitana sono limitati gli spazi ad accesso libero, qui a Castiglione sui due lati si può vivere un’esperienza selvaggia, all’ombra della macchia mediterranea.

Per accedervi è necessario percorrere la scalinata che si trova sulla statale, poco prima dello svincolo per Ravello.

Se arrivate con la vostra auto parcheggiate ad Atrani o a Ravello e incamminatevi verso i sentieri panoramici.

Il nostro consiglio è di sfruttare i mezzi pubblici, la linea della SITA effettua diverse fermate davanti alle scalette che consentono di accedere alle spiagge.

Cetara e le sue spiagge tranquille

Quando si pronuncia Cetara salta subito alla mente la famosa Colatura di Alici. cetara

La piccola spiaggia del paese si è formata dopo il terremoto degli anni ’80 e ha uno stabilimento balneare con tutti i servizi, anche un ristorante dove tra una nuotata e l’altra si possono apprezzare i piatti tipici a base di pesce.

Nonostante sia un’appendice del borgo i fondali sono puliti e sino al tardo pomeriggio il sole accompagna i turisti alla ricerca della tintarella perfetta.

In principio era un deposito di materiali edili, ma il mare ha deciso di riprendersi il suo spazio e ha trasportato sabbia e ciottoli in abbondanza.

Per accedere lasciate l’auto nel parcheggio pubblico a pagamento e attraversate il varco dietro al porto.

La spiaggia di Lannio si trova a pochi passi dal centro di Cetara, interessante il suo nome che deriva dalle “lagne”, ovvero i lamenti dei monaci giustiziati dai Saraceni durante le numerose incursioni. È nascosta dietro la torre del porto con le immancabili scalinate.

Maiori e Minori: la Costiera Amalfitana stile balneare

maiori spiaggiaLa spiaggia di Maiori rappresenta un panorama decisamente insolito rispetto a quello che è offerto dalla Costiera Amalfitana: un chilometro di spiaggia sabbiosa e ben 15 stabilimenti balneari allineati, disposti sul lungomare pianeggiante che è stato sviluppato dopo il catastrofico evento naturale del 1954 e che oggi ospita alberghi e ristoranti.

Alle estremità vi sono due tratti di spiaggia libera con dei chioschetti poco invadenti.

Gli stabilimenti balneari offrono la possibilità di prenotare moto d’acqua e pedalò, oppure lasciarsi condurre alla scoperta della Grotta di Pandora e della Grotta Sulfurea.

Il parcheggio in questa zona non rappresenta un problema, verso la fine del rettilineo che costeggia il mare, sulla destra, c’è un parcheggio a pagamento.

Ovviamente, però, nei periodi di maggiore afflusso può risultare particolarmente complesso posteggiare e ci si deve rivolgere ad operatori privati che hanno vari spazi nel paese.

In prossimità di Maiori c’è Erchie, con 200 metri di spiaggia che sono segnati dalla presenza delle torri Saracene. La frazione è piuttosto piccola e parcheggiare, nei mesi più affollati, può risultare assai complicato.

maiori erchie spiaggia
Spiaggia di Erchie, frazione di Maiori

Se Maiori ha cambiato il suo aspetto, Minori è rimasta sempre uguale, con le sue viuzze che si tuffano nell’azzurro del Tirreno, ma a ben guardare la strada da percorrere prima di immergersi nelle acque del mare, c’è un po’ di strada da percorrere.

La spiaggia di 250 metri ha 3 stabilimenti balneari e la sua posizione che sorride al sud, le consente di essere baciata dal sole per tutto il giorno. Per raggiungerla dovete superare Maiori e percorrere qualche curva. Essendo più piccola vi sono meno parcheggi.

Le spiagge di Positano, belle non solo in cartolina!

Positano offre un mare di opportunità da Laurito a Fornillo.

Meta ambita dal jet set internazionale, affascina i turisti stranieri e quelli italiani alla ricerca di una vacanza salmastra.

La spiaggia di Laurito prende il suo nome dai cespugli di alloro che crescono spontaneamente nella zona e che accompagnano la rampa di scale. L’atmosfera che si respira è delle più tranquille per via delle poche aree libere, la maggior parte sono gestite dagli hotel e la clientela è piuttosto riservata.

La spiaggia di Arienzo, invece, ben famosa per i suoi 300 gradini incastrati un un paesaggio fiabesco tra le ville più lussuose, è esposta a sud-ovest e il sole qui resta sino a tardi.

Per raggiungere queste due spiagge in auto dopo aver superato il centro di Positano proseguite verso Amalfi, dall’Hotel San Pietro partono le scale per Laurito, mentre 800 metri dopo quelle per Arienzo. Le due località sono collegate un rettilineo con i parcheggi.

La spiaggia principale di Positano è Marina Grande, il suo arenile di 300 metri è circondato dalle case colorate del centro e si affaccia sulle isole Li Galli.

Stabilimenti balneari, ristoranti e locali dove fare quattro salti dal tramonto all’alba.

Nella zona libera si trova il punto di imbarco per le vicine calette accessibili solo via mare. La sabbia scura e i ciottoli non scoraggiano i turisti che vogliono trascorrere una vacanza di un certo livello.

Molto interessante anche Fornillo, che si raggiunge dal molo delle imbarcazioni, passando per un romantico sentiero pedonale.

Entrambe le spiagge si raggiungono dalla discesa a piedi dalla statale ove sono ubicati i parcheggi a pagamento.

Il fascino nordico del Fiordo di Furore

Il Fiordo di Furore si trova a due passi da Praiano, ogni anno, la prima domenica di luglio si tiene una gara di tuffi molto rinomata. È sovrastato da un ponte da cui si intravede il piccolo lembo di spiaggia piuttosto profondo davanti al borgo marinaro, oggi sede del museo e disabitato. Al km 23 della SS 163 vi sono le scale che portano alla spiaggia.

Purtroppo non vi sono parcheggi lungo la statale che in questo punto è piuttosto stretta, ma parcheggiando nel centro di Praiano potete giungere sul posto con una navetta o con i mezzi pubblici.

furore-fiordo
Fiordo di Furore

Nelle vicinanze si trova la spiaggia di Marina di Praia, facente parte del territorio comunale di Praiano e famosa per i suoi ciottoli e per Torre a Mare che la sovrasta.

Il lido è attrezzato con bar, ristoranti e lettini, chi vuole spingersi sino alla Grotta dell’Africana, a Grotta Suppraiano e a Cala di Gavitella, può farlo a bordo di una delle graziose imbarcazioni che salpano ogni mezz’ora.

La spiaggia è illuminata solo nelle ore centrali ma la sera si accendono le luci delle discoteche più in della Costiera Amalfitana. Ricordiamo ai nostri viaggiatori che Cala della Gavitella ha una splendida vista su Positano e Capri e che si può raggiungere anche a piedi, affrontando 413 gradini.

Vietri sul Mare: verso l’infinito ed oltre

Dulcis in fundo citiamo la spiaggia di Vietri sul Mare, porta della Costiera Amalfitana e snodo principale verso la vicina Salerno.

Qui si trova l’unica stazione ferroviaria, raggiunta da treni regionali, ed è un buon compromesso se avete lasciato a casa l’auto perché non avete intenzione di pagare il parcheggio.

La prima spiaggia della marina di Vietri sul Mare è La Baia, lunga ben 400 metri. Purtroppo le acque non sono cristalline per via della vicinanza con il porto di Salerno, ma gli stabilimenti balneari offrono molti servizi. La spiaggia ha un parcheggio privato riservato ai clienti degli stabilimenti balneari.

La spiaggia di Marina di Vietri, come quella di Maiori, si è formata in seguito all’alluvione del 1954 che ha interessato parte della Costiera Amalfitana.

Dai Monti Lattari sono venuti giù fango e detriti che hanno rubato spazio al mare. La spiaggia è divisa in due parti dal fiume Bonea, una è libera e da qui si parte verso le calette sparse nei dintorni.

Marina di Albori invece è una piccola frazione abitata da 350 persone ed è collegata al mare con piccoli sentieri che si inerpicano sui monti.

Gli stabilimenti balneari hanno tutti il parcheggio privato, per gli avventurieri c’è quello pubblico, sempre a pagamento che apre alle 07.00 e chiude alle 20.00.

Pronto per un viaggio in Costiera Amalfitana? Scarica la guida “Vivo qui da sempre” e trasforma la tua vacanza in un sogno!